Come Investire in Borsa, consigli utili anche per principianti



Il mondo degli investimenti in Borsa ha subito numerosi incrementi lungo il corso degli anni, arrivando a sfiorare cifre di investimenti e investitori da capogiro, quasi del tutto inquantificabili. Per addentrarsi nella rete della Borsa occorrono formazione ed esperienza maturata nel campo, determinazione e la capacità di saper prevedere e accettare perdite e rischi.

Proprio come il mercato del trading online, anche la Borsa presenta i suoi rischi e svantaggi, allo stesso modo in cui favorisce profitti e guadagni tangibili.

La maggior parte degli investitori che si avvicina al mondo delle trattative borsistiche lo fa con l’intenzione di arrottondare un guadagno stipendiale, sperando nel profitto di una vita, per conoscenze specifiche e tecniche, ecc.

Qualsiasi motivazione non potrà non tenere conto dei rischi e del percorso da affrontare per giugere ad un livello di esperienza concreta all’interno del settore.

In ogni settore d’investimento, oltre alle conoscenze e ad un’approfondita cultura in materia, occorrono un carattere solido e una buona dose d’intuito e iniziativa, utile per lanciarsi in una manovra di rischio e per decidere quando fermarsi invece. Uno dei consigli più efficaci per chi si avvicina al mondo borsistico per la prima volta è quello di non credere, con troppa semplicità, a chi si ripropone di guidarvi verso la strada migliore, promettendo immediati e cospicui guadagni. Per approfondire l’artomento consigliamo la lettura delle guide presenti su InvestireInBorsa.me . Inizialmente si dovranno costruire delle basi solide, erette su studi e pratiche di simulazione.

 

BORSA VALORI: CHE COS’E’

Per poter investire in Borsa si dovranno apprendere alcuni principi e nozioni fondamentali. Come step iniziale si dovranno conoscere gli andamenti della Borsa valori e comprenderne il funzionamento.

All’interno della Borsa valori vengono distinti: titoli finanziari, definiti anche strumenti finanziari, ovvero le azioni e le obbligazioni. Il mercato della Borsa è regolamentato da acquisizioni e vendite di valute e strumenti finanziari. Le obbligazioni rappresentano debiti rivolti alle imprese e alle istituzioni, mentre le azioni rappresentano invece le quote del capitale delle stesse all’interno della Borsa. Oltre a questi due titoli principali vi sono anche altri titoli quotati che si dividono in covered warrant, futures e gli Etf, ovvero quote di indici scambiabili, come avviene per le azioni.

La struttura della Borsa valori non è più caratterizzata da un luogo societario fisico, ogni operazione si svolge e passa attraverso una rete virtuale, con un sistema elettronico regolamentato dall’unità centrale. Oltre all’unità principale vi sono poi dei terminali utilizati dagli intermediatori finanziari e un centro di raccolta dei dati che passa attraverso una rete apposita.

L’obbiettivo della Borsa valori consiste nel mettere a disposizione sulla rete virtuale il maggior numero possibile di risparmiatori con un capitale da investire, al fine di individuare i soggetti che necessitano di tali fondi per gli investimenti di natura economica. Vincolare quindi un deposito di denaro significa veicolare i risparmi degli offerenti a disposizione degli emittenti finanziari. All’interno della Borsa valori vigono alcune regole e obblighi, normative a favore della sicurezza e della trasparenza, nel rispetto sia dei risparmiatori che degli emittenti.



 

PIAZZA AFFARI – BORSA VALORI DI MILANO

La Borsa italiana di Milano è anche detta Piazza Affari, strutturata sulla base dell’MTA, il mercato telematico azionario, che si sonda in mercato primario e mercato secondario.

Il mercato primario comprende le negozziazioni dei titoli di nuova emissione, mentre il mercato secondario comprende la negozziazione dei titoli presenti sul mercato finanziario.

Il mercato SEDEX prevede gli scambi di titoli certificates e covered warrant; il mercato MOT prevede gli scambi di titoli delle obbligazioni. Il mercato IDEM prevede gli scambi dei contratti futures e dei contratti di opzione, mentre su ETFplus vengono scambiati gli Etf e derivati cartolarizzati. Infine, il mercato After hours, prevede lo scambio unicamente di titoli azionari certificates e covered warrant, per le negozziazioni in seguito alla chiusura della Borsa.

 

INDICI DI BORSA

Gli indici della Borsa rappresentano una media di titoli trattati all’interno della Borsa che rappresentano l’andamento del mercato e il suo andamento in tempo reale. Gli indici si rivelano utili al fine di ponderare e valutare i rischi di investimento benchmark, ovvero di un portafoglio o di una strategia.

Gli indici della Borsa prinicpali sono rappresentati dallo Stato americano, denominati Nasdaq Composite (indice dei titoli tecnologici), S&P 500 (indici di analisi e ricerche finanziarie di rating), Dow Jones (indici capitali industriali con il maggior capitale).

L’indice italiano più importante è il FTSE MIB, composto da 40 società maggiormente quotate sul mercato territoriale.

 

QUOTAZIONI IN BORSA

Le quotazioni in Borsa avvengono solitamente in tre modi:

  • OPS: attraverso l’emissione di una nuova offerta pubblica
  • OPV: attraverso un’offerta di vendita pubblica
  • OPVS: attraverso l’emissione e la vendita già esistente

Ogni impresa di serve solitamente di un intermediario finanziario per muoversi all’interno del districato mondo delle quotazioni in Borsa. Investire nella Borsa può comportare un aumento del valore del portafoglio, assicurare una rendita periodica di profitto, proteggere il proprio capitale al riparo dall’inflazione.

Tuttavia non è permesso ottenere rendite costanti e au aumento continuo del valore del portafoglio, ma si possono invece creare dei fondi portafoglio misti per svolgere entrambe le funzioni.

Per veicolare un fondo d’investimento a rendita periodica si dovranno scegliere obbligazioni e azioni predisposte al pagamento dei dividendi, analizzando sempre e comunque la possibilità di un rischio come quello legato al cambio di valuta e al suo andamento.

 

STRATEGIE D’INVESTIMENTO SUL MERCATO DELLA BORSA

Le strategie di investimento in Borsa consistono in un’attenta analisi e valutazione dei titoli che si intendono acquistare, correlati da tutti i possibili indici e dalle possibili variazioni nel corso del tempo. I fini dell’investimento consistono in un guadagno da insierire sul proprio fondo capitale, oppure in una rendita periodica dei profitti.

Il mercato della Borsa risulta instabile e proprio per questo motivo è bene ricordare di investire solamente i fondi di risparmio di cui si sarà disposti ad accettare un’eventuale perdita, denaro del quale non si necessita nell’immediato.