Piattaforme di Trading Online



Piattaforme di trading online

Quando si parla di piattaforme di trading online ci si riferisce, per estensione, ai broker, ossia le società di intermediazione finanziaria che offrono agli utenti le interfacce, o appunto piattaforme, con le funzioni per operare sui mercati azionari globali.

Tutto questo è reso ora possibile dagli sviluppi della rete internet, che permette di collegare il computer di casa (ma anche i dispositivi mobili di smartphone e tablet) con le Borse mondiali; inoltre, le funzionalità di home banking consentono al trader di effettuare prelievi e versamenti sul conto aperto dal broker senza recarsi fisicamente presso uno sportello bancario. Insomma, le piattaforme di trading online mettono a disposizione del trader tutti gli strumenti necessari per poter realizzare dei profitti direttamente dall’abitazione, in piena libertà e comodità.

Sono tre le tipologie di piattaforme online più diffuse nel trading online: il Forex, i broker per CFD e i broker per opzioni binarie. Vediamo le loro caratteristiche più da vicino.

Il Forex è l’abbreviazione di Foreign Exchange Market, espressione inglese con la quale si indica il mercato di scambio delle valute internazionali. Si tratta di un avvincente e dinamico settore che è sempre attivo, in quanto le varie divise sono scambiate in diversi mercati valutari intorno al mondo, da Tokyo a New York, da Milano a Sydney. Con le piattaforme di Forex, il trader effettua degli ordini di compravendita su cross, o coppie valutarie: ogni moneta è infatti associata ad un’altra valuta, nei confronti della quale si indebolisce o si rafforza a seconda di eventi economici e finanziari nei mercati globali. Scopo del trading è quello di speculare sulle quotazioni con l’intento di generare un profitto. Si potrà quindi aprire una posizione lunga o corta a seconda della strategia applicata sulla coppia valutaria.



Un’altra tipologia di trading è data dalle operazioni con i CFD, ossia i contratti per differenza. Quando si effettuano degli ordini con la piattaforma di trading online nei vari mercati azionari, in realtà non si sta acquistando un titolo o un asset come potrebbe avvenire quando si partecipa fisicamente nelle Borse, bensì ci si sta semplicemente “appoggiando” al valore di un cosiddetto “sottostante” per un tempo limitato all’apertura e alla chiusura di un contratto stipulato con il broker. In questo modo, il profitto che eventualmente si potrà realizzare sarà dato dalla differenza del valore delle quotazioni del bene fatta registrare nei due momenti citati. Tutto ciò permette di realizzare dei profitti saltando i passaggi burocratici (e le relative spese amministrative e di mediazione finanziaria) legati ad un acquisto effettivo dell’asset.

Infine, le piattaforme di trading online permettono di operare anche con l’ultimo ed innovativo strumento delle opzioni binarie, funzione di recente introduzione ma di rapida diffusione nel panorama dei broker. Con questa operatività non ci si dedica alla compravendita di asset, ma si effettuano dei pronostici circa l’andamento delle quotazioni di titoli, indici, cross valutari o commodities. Se la previsione si rivelerà corretta, il trader potrà riscuotere un profitto pari alla percentuale sull’importo impiegato proposta dal broker. L’evento pronosticato dovrà verificarsi entro una precisa scadenza temporale, che con lo “speed trading” può limitarsi a pochissimi secondi.

Salva