Forex Terminologia



Forex Terminologia: Bid, Offer e Ask

Il mercato forex italia, come tutti gli altri mercati finanziari del mondo, si basa sulla compravendita di beni, i cui prezzi sono determinati dalla domanda e dall’offerta. Nel Forex, il “bid” è il prezzo al quale un operatore compra la valuta di base ottenendo in cambio la valuta “contatore”. Al contrario la cosiddetta “offer” o “ask” è il prezzo al quale un operatore vende la valuta di base ottenendo in cambio la valuta “contatore”.

Lo “spread” é, invece, la differenza tra il prezzo della domanda e il prezzo dell’offerta. Lo spread non è determinato dalle oscillazioni del mercato ma varia da coppia a coppia di valute estere e da un broker all’altro. Questo può essere, infatti, definito come il compenso o il pagamento che il forex broker riceve per il servizio di mediazione o la sua funzione di market-maker.

Il forex broker è un intermediario nelle transazioni tra due controparti all’interno del mercato Forex. Questo non si assume i rischi relativi alle transazioni valutarie ed il suo compens, lo spread, viene misurato in “Pip”.

Il “Pip” è il più piccolo movimento che interessa il prezzo di una “currency pairs”.

Il “market-maker” é un operatore del mercato Forex che ha il compito di produrre proposte di acquisto o di vendita per specifici quantitativi di titoli. Le proposte del market-maker vengono fatte in modo continuo. Gli interessati si rivolgono direttamente al market-maker per fare delle negoziazioni o per portare a termine delle transazioni sul Foreign Exchange Market.

Forex Terminologia: Bull Market e Bear Market

Analizziamo ora i concetti di “Bull Market” e “Bear Market”. Il primobull market è il “mercato al rialzo”, bull in inglese significa, letteralmente toro. Questo è caratterizzato da una decisa tendenza alla crescita dei prezzi. Il termine “Bear Market” indica esattamente la situazione inversa.

E’ un termine inglese che significa “mercato al ribasso”, bear in inglese significa orso. Questo mercato è caratterizzato da una forte tendenza dei prezzi a scendere rapidamente.



La cosiddetta liquidità del mercato Forex, il mercato più liquido a livello globale, è la caratteristica che fa si che all’interno del Foreign Exchange Market sia molto facile e soprattutto veloce trovare una controparte disposta a fare affari, portando a termine una transazione di compravendita o piazzando un ordine.

Le transazioni relative alla compravendita di valute estere si basano su quello che viene chiamato “Exchange rate”, termine che letteralmente significa tasso di cambio.

Questo indicatore, importantissimo nel mercato Forex, specifica il valore o “prezzo” di ogni singola unità di una data valuta definita nei termini di un’altra. Si tratta quindi del prezzo al quale le due valute vengono scambiate.

Forex Terminologia: la Leva, detta anche Leverage

La leva chiamata anche “leverage” è, invece, uno strumento eccezionale che caratterizza il Forex rispetto agli altri mercati finanziari. Grazie alle leve, un capitale anche basso può essere trasformato in una somma di denaro da investire di molto superiore. Il leverage è un “moltiplicatore” del capitale ed è determinato dal forex broker.

Le leve fanno si che l’investitore abbia un elevato potere d’acquisto e possa movimentare grandi capitali anche a fronte di un investimento reale irrisorio.

Vediamo ora di comprendere meglio i concetti di “short” e “long”. Aprire una posizione “long” significa comprare una specifica data valuta tentando di guadagnare per l’aumento di valore. L’ipotesi di un possibile profitto si basa su una previsione dell’aumento del valore della valuta.

Se questa risponde nella maniera prevista l’investitore potrà in seguito rivenderla ad un prezzo più elevato rispetto a quello a cui l’aveva acquistata. Da qui deriva il profitto: comprare a poco per vendere a molto.

Al contrario, aprire una posizione “short” significa tentare di speculare e trarre profitto basandosi sul processo contrario. L’investitore del forex, a seguito di alcune previsioni, cede una valuta con l’obiettivo di ricomprarla ad un prezzo più basso. Il guadagno deriva dall’azione di vendere a molto ricomprando ad un prezzo molto più basso.

Salva