Figure Inversione e Continuazione Forex



Figure Inversione Forex

Si tratta in effetti di un argomento di importanza vitale, che consegue logicamente a quello trattato negli articoli precedenti: i trend del mercato. Nessuna tendenza infatti prosegue all’infinito e presto o tardi si verifica un’inversione di marcia che fa mutare direzione al mercato.

Attraverso le figure di inversione, che prendono forma concreta nei grafici di cui abbiamo già trattato, sarà possibile per un analista tecnico e per un investitore avere informazioni utili prima ancora che l’inversione si verifichi.

Detto questo ricordiamo alcuni punti salienti, massime da memorizzare perché potrebbero salvare il vostro investimento. Un segnale ad esempio della prossima inversione di marcia del mercato è la rottura di una trendline.

Quindi questa dovrà essere tenuta strettamente sotto controllo.  Inoltre è bene ricordare che in base alla dimensione della formazione, quindi della figura che prende forma del grafico si potrà indicare la forza del fenomeno. Più grande è la figura, più forte sarà il nuovo trend.

Una volta memorizzati questo concetti fondamentali siete pronti a scoprire le diverse formazioni. Quella che sicuramente è più famosa viene detta Testa e Spalle, dall’inglese Head and Shoulders. Se questa figura si presenta alla fine di un trend di mercato è chiaro che questo si sta avviando verso un suo indebolimento.

Il trend normalmente in fase di indebolimento tende a livellarsi nel breve periodo (domanda e offerta equivalenti) per poi invertire la direzione. Il nome testa e spalle ricorda graficamente la formazione sul grafico: saranno presenti tre massimi.

Il centrale sarà più alto ( testa ) i due laterali più bassi ( spalle ). I due minimi che saranno compresi fra le spalle  e la testa saranno detti neckline ossia linea del collo e la rottura della linea è un chiaro segnale di inversione del trend.
Si tratta di una formazione che facilmente potrete trovare sia in trend rialzisti che ribassisti.

Come da una guida per il forex, quando parliamo di Triplo massimo o minimo ci riferiamo nello specifico ad una variante della figura Testa e Spalle. Si avranno tre massimi tutti di uguale altezza  nella medesima zona del grafico. Identico discorso per i minimi intermedi. Anche in questo caso la rottura della linea indicherà chiaramente l’inversione del trend.

Interessante anche il Doppio massimo o minimo, in generale la figura più frequente che segue quella del testa e spalle. Somiglia notevolmente al triplo massimo o minimo ma in effetti possiede solo due massimi e in versione ribassista viene assimilata ad una M, viceversa in versione rialzista ad una W. Una rottura del livello di supporto indica una probabile inversione del trend.

Chiudiamo l’argomento con il Soucer e lo spikes. Si tratta di figure meno comuni ma pur sempre presenti e che dunque e bene conoscere.  Quando parliamo di Soucer parliamo di movimenti molto lenti  inizialmente laterali e successivamente crescenti che determineranno alla lunga un’inversione della tendenza di mercato.

Parlando di Spikes è d’obbligo dire che si tratta di una formazione grafica a V e si palesa con brusche variazioni dei prezzi.

Insomma la conoscenza di queste figure grafiche potrà aiutarvi a intuire quelli che saranno i futuri movimenti e direzioni del mercato. Per questo è bene memorizzarle con cura.



 

Figure Continuazione Forex

Al lato opposto rispetto alle formazioni di inversione troviamo le Formazioni di Continuazione, che non ci informano chiaramente in merito alla prossima inversione di un trend, piuttosto ci parlano della prosecuzione di una determinato andamento di mercato sul forex per la direzione precedentemente presa.

Anche in questo caso le formazioni saranno visibili con una cerca chiarezza nei grafici, tutti da analizzare.

Formazioni di Continuazione più comuni

Triangoli. Ve ne sono di diversi tipi, nello specifico tre. Si parla di triangolo simmetrico, triangolo ascendente e triangolo discendente. Il primo è caratterizzato da trandline convergenti. La superiore sarà in ribasso, quella inferiore in rialzo.

Diverso il discorso per il triangolo ascendente che presenta due linee, una inferiore in ascesa, e una superiore che prosegue in orizzontale. Infine il Triangolo discendente differentemente dalla formazione appena vista presenta una linea inferiore orizzontale e una superiore in discesa.

Davanti ad un triangolo simmetrico dobbiamo immaginarci una pausa momentanea del trend di mercato, mentre analizzare il triangolo ascendente e discendente si dimostra operazione leggermente più complessa dato che le previsioni possono essere differenti.

In genere si potrà affermare che il triangolo ascendente da la possibilità di prevedere trend rialzisti, quello discendente al contrario ribassisti.

Bandiere e Pennant. Anche in questo caso parliamo di figure particolarmente comuni, che spesso si presentano in fasi di pause momentanee di un qualsiasi trend direzionale del mercato. Sono utilissime per calcolare obbiettivi e movimenti futuri. In maniera generica si può dire che sono preannunciate da un forte trend improvviso.

Le bandiere, dall’inglese flag somigliano in tutto e per tutto a parallelogrammi che sono incorniciati da trend line parallele fra loro. Queste conoscono una inclinazione opposta rispetto ai trend assunti in precedenza.

Diversamente i Pennat sono meno inclinati rispetto alle Bandiere e propongono linee convergenti che ricordano più che parallelogrammi dei triangoli simmetrici. Si tratta comunque di figure di breve periodo.

Wedge. Molto simile al triangolo simmetrico questa figura propone due linee convergenti che all’apice trovano congiunzione, ma la sua inclinazione è particolarmente direzionale. Si parlerà di rising wedge se l’inclinazione punterà verso l’alto, e quando punterà verso il basso di falling wedge.

Da ricordare che l’inclinazione è sempre opposta al trend quindi quando punterà verso l’alto ci troveremo dinanzi ad un trend ribassista e viceversa.

Salva

Salva