Analisi Tecnica e Fondamentale



In questa guida vedremo quali sono i principali concetti relativi all’analisi tecnica e fondamentale, concetti che vengono sempre più spesso utilizzati nel trading, in special modo da coloro che hanno a che fare con il mondo del Forex.

 

Analisi Tecnica

Come abbiamo già visto sinteticamente l’analisi tecnica è il primo dei due strumenti analitici utilizzati per prevedere le fluttuazioni del mercato Forex con lo scopo di portare a termine transazioni mirate e proficue.

Consiste in un’analisi che cerca di prevedere le oscillazioni dei prezzi delle valute estere servendosi di grafici, statistiche, cronologie e calcoli su base storica, sia relativi al mercato più in generale che ad una specifica coppia di valute o a più di una coppia.

Le informazioni utilizzate appoggiandosi a questa tipologia di analisi non si basano sulle condizioni di mercato attuali ma su delle condizioni passate. Queste permettono, però, di fare delle previsioni più o meno precise sui possibili andamenti futuri dei prezzi delle valute, spesso ciclici.

L’analisi tecnica, in sostanza, viene condotta su eventi che effettivamente hanno avuto corso all’interno del Foreign Exchange Market. Un’analista di tipo tecnico esamina i dati storici relativi ai movimenti dei prezzi e dei volumi.

Una volta in possesso di queste informazioni, il compito dell’analista è la costruzione di grafici riassuntivi che poi verranno impiegati come base per la costruzione di un piano d’investimento.

A differenza dell’analista fondamentale, l’analista tecnico non è interessato ai cosiddetti “fattori principali” che influenzano il Forex perché, più che su previsioni ed ipotesi a partire da questi dati, si concentra su eventi già accaduti relativi al mercato specifico di uno strumento come , per esempio, merci, prodotti e valute estere.



Imperniando le attività finanziarie sugli elementi ricavati dall’analisi tecnica, gli investitori hanno come fonte di informazione solo i movimenti dei prezzi e non si interessano, per questo, delle ragioni e delle cause di tali oscillazioni. All’analista tecnico interessa solo il risultato delle fluttuazioni.

L’analista tecnico mira ad identificare dei veri e propri “modelli di comportamento” del mercato e con il passare del tempo, l’avere a disposizione numerosi modelli, implica che ad aumentare siano anche le probabilità che questi producano degli effetti attesi. Esistono, in aggiunta, diversi modelli “famosi”, con numerose analogie tra loro.

I modelli grafici ricollegabili all’analisi tecnica sono stati studiati nel corso degli anni fino ad essere raccolti in gruppi e suddivisi in categorie.

 

Lista delle categorie della teoria dell’analisi tecnica:

  • Indicatori (Oscillatori, per esempio: Indice di Forza Relativa – RSI).
  • Teoria dei numeri (numeri di Fibonacci, numeri di Gann).
  • Onde (Teoria delle onde di Elliot).
  • Gaps (Alti-Bassi, Aperti-Chiusi).
  • Tendenze (attinenti alle medie mobili).
  • Costruzioni grafiche (Triangoli, Testa e Spalle, Canali).

 

In sintesi: l’analisi tecnica è focalizzata su ciò che accade nel mercato forex e su ciò che è accaduto in passato; si occupa di analizzare gli effetti delle oscillazioni del mercato; utilizza strumenti e dati “interni” al mercato finanziario come prezzi, volume delle transazioni ed “open interest”, ma solo per i Futures.

L’analisi tecnica affiancata all’analisi fondamentale permettono ad ogni forex trader di prevedere le future oscillazioni del trend del mercato pianificando così ogni singola operazione di forex trading.

Salva